SPHCOSCIENZA DI LUCE ERMETICA

forum dedito all'informazione del risveglio di coscienza: IL NOSTRO SITO è: http://www.alchimia.onweb.it/it/home
 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 RITORNO ALLA PEFEZIONE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin


Messaggi : 114
Data d'iscrizione : 21.03.12
Età : 60
Località : Pesaro

MessaggioOggetto: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Gio Gen 23, 2014 6:28 pm


La spoliazione e il ritorno alla perfezione originaria attraverso la Gnosi, conoscenza salvifica

Sapienza rinnova la fede.
di fede sapienza s’accresce.
a lume primevo riede
da tuniche l’anima s’esce



La Gnosi è una conoscenza salvifica cui si accede per iniziazione o per rivelazione: “so perché credo, credo perché so”. Gnosi significa “conoscenza che porta con sé e procura di per sé salvezza, scienza liberatrice che salva, sapere che è in sé e per sé salvezza” (Puech, 1967, p. 214). Nei sistemi religiosi di cui costituisce la base, la Gnosi è la ricerca e l’esperienza della salvezza tramite la conoscenza. La fede (pistis) è vista come una forma di conseguimento inferiore, cui si contrappone la conoscenza (gnosis), intesa come assorbimento nel proprio sé profondo, raggiunto con un tipo di contemplazione mistica che inizia con lo studio di se stessi e prosegue lungo il processo metanoia-anamnesi-ritorno.
Esso consiste nella conversione o distacco dal mondo, per recuperare il ricordo di quello che ognuno è nella sua vera natura, come immagine pura di se stesso (eikon) e del proprio intelletto eterno, e infine realizzare la condizione di perfezione dei primordi, nel paradiso perduto del Pleroma, che coincide con l’apocatastasi, la reintegrazione del tutto allo stato originario (Moraldi, 1982). La Gnosi insegna l’astrazione dai sensi e la concentrazione nella propria interiorità (encratismo), dove si giunge a trovare il divino, cioè se stessi, insegna la via della luce attraverso il percorso psicologico della spoliazione e del ritorno all’essenza originaria, pura e incontaminata. Gli Gnostici propongono il distacco dai desideri mondani, come facevano gli orfici-pitagorici, i platonici e gli stoici) e il distacco anche dall’attività mentale intellettuale, in quanto non è con il ragionamento, ma accogliendo l’illuminazione o la rivelazione (secondo i principi dell’iniziazione greco-romana e indo-iranica) che l’uomo trova una risposta ai problemi fondamentali dell’esistenza. Tipico dell’ellenismo, che costituisce l’humus su cui si sviluppa
la Gnosi, è il sincretismo, cioè la fusione, talora difficoltosa, tra elementi egizi, orfico-pitagorici, platonici, indo-iranici, apocalittici e giudaici.

Il tutto pervaso da un profondo pessimismo cosmico e antropologico, e da un marcato senso di estraneità nei confronti del mondo, che solo in parte sono riconducibili alle condizioni storiche di decadenza e crisi dei valori, ma fanno parte dell’anima gnostica nella sua essenza più autentica; corroborata in questo senso dalla visione dualistica dell’esistenza, in base alla quale gli uomini e il mondo sono divisi in due parti che si fronteggiano, il Bene e il Male, e le schiere dei buoni provano smarrimento e solitudine, e si sentono estranee a un mondo che loro non appartiene. Per Puech, l’”atteggiamento gnostico” si rivela coerente, uno e costante, e costituisce pertanto un tipo originale e distinto di religiosità, un fenomeno specifico, comune avari ambiti di storia delle religioni, e pertanto generale. Gnosticismo è invece un termine più circoscritto che rimanda ai sistemi gnostici del II° e III° secolo d.C. Mentre
la Gnosi designa secondo Filoramo (1990) “la conoscenza di misteri divini riservata a un’elite”, la definizione di Gnosticismo è costruita sulla base dei sistemi post-Cristiani, presuppone, cioè, un insieme di elementi che si danno solo a partire dai sistemi gnostici del II° secolo d.C. L’Ermetismo, infine, è un corpus di scritti alquanto eterogeneo, pseudoepigraficamente attribuiti ad Ermete Trismegisto, in realtà databili i più antichi (ermetismo popolare) come minimo al III° secolo a.C., i più recenti (ermetismo dotto) dal III°, al VI° fino all’XI° secolo d.C., che contengono una rivelazione attinente alla teologia, alla cosmogonia, all’antropogonia e alla soteriologia e in quanto tali fanno capo alla gnosi pagana. Secondo Filoramo (2005), forme di conoscenza salvifica definibili come gnostiche sono rinvenibili in numerose tradizioni religiose, teistiche e non:nell’Induismo, con la sua dialettica tra principio ontologico individuale (Atman) e principio ontologico generale (Brahman); nel Buddismo Hinayana (del piccolo carro), che per alcuni rappresenterebbe una forma pura di conoscenza gnostica, priva cioè di quei riferimenti mitologici che caratterizzano il Mahayana(del grande carro); nella Qabbalah ebraica e nella Shia’h islamica.

Però sarebbe surrettizio ricondurre queste forme, per certi aspetti accostabili ma comunque storicamente condizionate, ad una “Gnosi Eterna”.
La Gnosi si radica nell’esperienza genericamente umana di divisione e di scissione: tra sé e mondo, tra sé e Dio, tra sé ed io empirico, che il soggetto vive come minacciosa della sua unità e integrità individuale. Lo gnostico esprime una esperienza di rottura, di divisione, di separazione, all’esterno e all’interno di Sé, provocate e indotte dall’esistenza del male, o meglio ancora del Male, inteso come principio, in senso ontologico. La conoscenza gnostica è una risposta globale e risolutiva alla sofferenza e alla dicotomia, recuperando l’integrità minacciata e ricostituendo l’unità perduta.
Lo gnostico dunque, in virtù di una illuminazione o di una rivelazione – nel primo caso se agisce l’intuizione interiore, nel secondo per effetto della comunicazione esteriore ad opera di una figura di salvatore – è in grado di superare le lacerazioni e ricongiungere sé e mondo, inizio e fine, origine e realizzazione del proprio essere, portando contemporaneamente a compimento la reintegrazione del divino. Mentre le forme di Gnosi presenti nelle tre grandi religioni monoteistiche (ebraismo. cristianesimo, islam) si configurano come percorsi di riconquista del Sé inteso come nucleo fondante del singolo di origine divina, le altre forme di Gnosi rintracciabili nelle religioni dell’India sono piuttosto degli sforzi di scioglimento e superamento del Sé individuale per entrare in contatto e attingere a un assoluto che non si manifesta tendenzialmente nelle forme personali del teismo.

Cristo-Apollo nello zodiaco (nei tondi le quattro stagioni), Italia Settentrionale, XI sec.

La conoscenza salvifica posseduta dalla Gnosi si presenta coi caratteri della dissimulazione e dell’esoterismo (Filoramo, 2005). Infatti essa nasce e si sviluppa all’interno di un corpus di dottrine religiose preesistenti – come è il caso del cristianesimo – che presuppone e su cui si innesta, pretendendo tuttavia di svelarne il senso profondo, che però non può esser patrimonio di tutti, ma solo di un’elite, sia nel senso di un’aristocrazia intellettuale, quali erano appunto gli Gnostici, che nel senso di una cerchia ristretta scremata tramite l’iniziazione.

Ci si è chiesti (Duchesne-Guillemin, 2005), di fronte alla diffusione del dualismo attraverso il continente eurasiatico, se esso debba risalire come origine ai dualismi greco-iranici, oppure se non si debba riconoscere a monte un substrato comune, da cui germogliano i dualismi storici. I dualismi storici sono pressoché ubiquitari, spaziando dall’ Iran pre-mazdeo e mazdeo, all’eresia dei Bogomili, al Manicheismo, alla Gnosi, all’Orfismo, alla religione degli Yezidi, per poi andare nei Paleosiberiani, presso i quali si trova la figura del Corvo, collaboratore e rettificatore dell’opera del dio creatore, e poi nell’America Settentrionale con la divinità del Coyote, con caratteristiche di demiurgo-trickster (briccone divino). L’autrice ne conclude che esistono manifestazioni di dualismo, sul piano delle credenze, dei miti, del culto, che non possono essere fatte risalire al dualismo “colto” dell’Iran e della Gnosi.

L’essenza di queste manifestazioni consiste nell’opposizione tra un demiurgo-rivale e un creatore di base, che non rivendica per sé né una creatività, né una sovranità universale. E’ quello che Eliade (1948) chiama il deus otiosus, troppo grande e troppo sconosciuto per occuparsi dei casi ordinari degli uomini, e quindi lontano dalle pratiche e dai bisogni quotidiani, dove impera il demiurgo, nella sua limitatezza e malvagità, e dove è necessaria l’opera reintegratrice di un redentore. Nel mito di Zarathustra, Zervan, il Tempo, il quale è il prototipo del Dio superiore e ignoto della Gnosi, aveva sacrificato in origine per mille anni, al termine dei quali nacquero Ormazd o Ahura Mazda, il frutto di questo sacrificio, ed Arimane, risultato di un dubbio che Zervan aveva espresso sull’efficacia dello stesso sacrificio.

La figura del demiurgo rivale del deus otiosus ha comunque un suo culto, che va dalle dediche ad Arimane nei misteri di Mitra alle messe nere e al satanismo di oggi. Nella Gnosi si assiste alla confluenza e alla coesione di temi e di esperienze che affondano le radici nelle concezioni astrologiche dei Babilonesi, nella mistica popolare orientale, nella misteriosofia ellenistica. Il motivo del viaggio dell’anima tra le sfere celesti, munita di parole d’ordine per i “guardiani della soglia”, i custodi di ogni sfera planetaria, è presente nella maggior parte dei sistemi gnostici, e non a caso l’ipotesi di una derivazione babilonese della Gnosi, che si rifà alle esperienze di cui sopra, ha trovato più credito dell’ipotesi di una derivazione egiziana. Però in Babilonia gli dei planetari erano divinità superiori e benefiche, mentre nella Gnosi essi assurgono al ruolo di arconti, tiranni inferiori e malefici.

La trasformazione degli dei planetari benefici del pantheon babilonese negli arcigni arconti gnostici, inflessibili dominatori delle sfere planetarie, dei inferiori su cui grava la fatalità assoluta (Heimarmene), avviene attraverso l’assimilazione da parte dello Zoroastrismo. Nella religione dualistica dei persiani vincitori, le divinità planetarie dei babilonesi sottomessi vennero assunte nel ruolo di dei vinti e degeneri, inferiori al regno di Aura Mazda, e semmai arruolati nelle schiere malefiche di Arimane. Divinità benigne e maligne si trovano contrapposte con nomi scambiati nell’Avesta e nei Veda.
Nell’epoca indoiranica, gli asura costituivano tra i deva, gli dei celesti, una categoria speciale, dotata di un particolare potere, di una misteriosa natura etica. Tramontata l’epoca vedica, in India la nozione di asura si deteriora completamente per l’accentuarsi del suo aspetto misterioso e quindi malefico: gli asura divengono dei demoni. Nell’Iran invece gli asura vengono esaltati, mentre i deva si svalutano.

Un altro aspetto dell’Avesta che si ritrova nelle dottrine gnostiche è la Daena, il doppio dell’anima, che essa incontra dopo la morte sotto forma di bella fanciulla o di spaventosa megera. L’India presenta qualcosa di simile con le Apsaras(ninfe), l’Islam con le Uri, ma anche col testimone Celeste che si palesa al mistico al termine del suo viaggio iniziatico. L’anima deve attraversare un ponte che dalle gatha, canti composti da Zarathustra in un dialetto simile al sanscrito, si chiama “ponte di chi fa la cernita o di chi distribuisce.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://coscienza-di-luce.forumattivo.it
Waira



Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 15.10.13
Età : 56
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Gio Mag 08, 2014 10:15 pm

Cosa vuol dire ritorno alla perfezione? Attingendo alla memoria si può attraversare come momenti che trattenuti fermano il tempo e continuano dal passato a riempirci di energie ..nulla si perde se non il tempo...inesorabile crudele .
La Gnosi è la via alla perfezione , la conoscenza del mondo interiore , la percezione del mondo esteriore in quanto energie dinamiche sottile che muovono le reazioni, l,Admin. Ha scritto in un post che la fede cancella il dubbio vero motore di chi cerca, personalmente credo che la fede è la luce fioca che si riesce a vedere nel tunnel, il dubbio è positivo quando ci permette la distanza, quando il dubbio diventa verità ..non può esserci gnosi se non esiste la fede che nel suo valore reale è volont, è ricerca, è credere che oltre il desiderio di conoscere ci sia la verità.
So che Alessandro non ama molto i miei post, come contraddirlo, ora in questo momento sono sotto attacco e ciò che chiedo di non perdere è il senso della mia anima, e provo a comunicare per vincere questa afasia, la solitudine lì sotto è terribile.
E' come un canto la perfezione, una danza leggera sulle righe della vita, tutto inizia e tutto si chiude con un senso logico che non ha uguali se non quel movimento materiale che lo esegue. Non è vero che la solitudine porta a compimento , il luogo dove ci si racchiude è solitudine ,ma è l'amore che accompagna , l'aMore.... La nota che inizia la danza....forse è il femmineo che vive il compimento di questa direzione in questo modo , ma come può la Gnosi preservarci dalla sofferenza? Forse lo spirito può trovare sollievo, ma come si può concepire quella frattura,quella separazione dello spirito dal corpo, dalla vita materiale( e non intendo una vita dissoluta, ma la vita pratica ) , ciò che cerchi, che studi che raggiungi dovrebbe concretizzarsi , plasmare anche la vita quotidiana...cos'e' celebrare il quotidiano se non vivere il tempo con la consapevolezza che ci è stato concesso e che delle dieci monete che il padrone ci ha lasciate dobbiamo restituirgliene il doppio.
Cosa realmente "provoca salvezza"?
Cosa realmente dobbiamo fare ,fuori dai luoghi comuni per vincere questo peccato originale , che forse altri non è che attraversare le acque ed uscire dalla dimensione rettiliana...la lotta antica dell'duomo , questa sofferenza ' questo logos babilonico

W.



Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Ale



Messaggi : 56
Data d'iscrizione : 09.06.12
Età : 47
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Sab Apr 18, 2015 1:00 pm

ESISTE UN NESSO COMUNE E COSTANTE FRA TUTTE LE COSE AVVENUTE CHE AVVENGONO E AVVENIRE, TUTTE LE COSE SI MANTENGONO INDIPENDENTI E NELLO STESSO TEMPO DIPENDENTI....

UN FORTE ABBRACCIO
ALE
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Ale



Messaggi : 56
Data d'iscrizione : 09.06.12
Età : 47
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Dom Apr 19, 2015 8:02 pm

La Gnosi è una conoscenza salvifica cui si accede per iniziazione o per rivelazione: “so perché credo, credo perché so”. Gnosi significa “conoscenza che porta con sé e procura di per sé salvezza, scienza liberatrice che salva, sapere che è in sé e per sé salvezza” ha scritto:

oltre non ci sarebbe più nulla da dire, se non gli insegnamenti dei vari grandi autori per allenare le coscienze aperte ed aprire alla iniziazione per chi è già disposto.

Cosa vuol dire ritorno alla perfezione? Attingendo alla memoria si può attraversare come momenti che trattenuti fermano il tempo e continuano dal passato a riempirci di energie ..nulla si perde se non il tempo...inesorabile crudele . La Gnosi è la via alla perfezione , la conoscenza del mondo interiore , la percezione del mondo esteriore in quanto energie dinamiche sottile che muovono le reazioni, l,Admin. Ha scritto in un post che la fede cancella il dubbio vero motore di chi cerca, personalmente credo che la fede è la luce fioca che si riesce a vedere nel tunnel, il dubbio è positivo quando ci permette la distanza, quando il dubbio diventa verità ..non può esserci gnosi se non esiste la fede che nel suo valore reale è volont, è ricerca, è credere che oltre il desiderio di conoscere ci sia la verità. ha scritto:

bellissimo

So che Alessandro non ama molto i miei post, come contraddirlo, ha scritto:

Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad non è vero

un forte abbraccio
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Waira



Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 15.10.13
Età : 56
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Lun Apr 20, 2015 7:47 am

Ale ha scritto:


oltre non ci sarebbe più nulla da dire, se non gli insegnamenti dei vari grandi autori per allenare le coscienze aperte ed aprire alla iniziazione per chi è già disposto.



bellissimo



non è vero

un forte abbraccio


Che bello ritrovarci Ale, in questo forum ritrovo tutta la coscienza ... gradino per gradino ..... .i miei primi passi, la fiducia , la luce, l'arte nel fare....sentire ...cio' che la mente copiosamente produce.... cosa straordinaria e' la memoria....cataloga ogni cosa , e cio' che piu' le aggrada la tiene li' perche' quando vuoi ritrovarla e' pronta a restituirla e cio' che pensiamo sia il vuoto e' qualcosa che si e' trasformato in essenza ...

Sapienza rinnova la fede.
di fede sapienza s’accresce.
a lume primevo riede
da tuniche l’anima s’esce

MOLTO BELLI QUESTI VERSETTI....


Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Waira



Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 15.10.13
Età : 56
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Ven Apr 24, 2015 5:57 am

"L’essenza di queste manifestazioni consiste nell’opposizione tra un demiurgo-rivale e un creatore di base, che non rivendica per sé né una creatività, né una sovranità universale. E’ quello che Eliade (1948) chiama il deus otiosus, troppo grande e troppo sconosciuto per occuparsi dei casi ordinari degli uomini, e quindi lontano dalle pratiche e dai bisogni quotidiani, dove impera il demiurgo, nella sua limitatezza e malvagità, e dove è necessaria l’opera reintegratrice di un redentore"


Alessandro ...puoi spiegarmi  questa  interpretazione ? Dove si colloca l'uomo e a chi o cosa puo' fare riferimento....
Rolling Eyes

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Ale



Messaggi : 56
Data d'iscrizione : 09.06.12
Età : 47
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Sab Apr 25, 2015 9:29 pm

"L’essenza di queste manifestazioni consiste nell’opposizione tra un demiurgo-rivale e un creatore di base, che non rivendica per sé né una creatività, né una sovranità universale. E’ quello che Eliade (1948) chiama il deus otiosus, troppo grande e troppo sconosciuto per occuparsi dei casi ordinari degli uomini, e quindi lontano dalle pratiche e dai bisogni quotidiani, dove impera il demiurgo, nella sua limitatezza e malvagità, e dove è necessaria l’opera reintegratrice di un redentore"
Alessandro ...puoi spiegarmi questa interpretazione ? Dove si colloca l'uomo e a chi o cosa puo' fare riferimento.... ha scritto:

secondo me:
io non credo innanzitutto che nessuno può spiegare niente a nessuno, questo perchè secondo me sono percezioni soggettive e nel momento in cui si tentano di spiegarle con parole(umane) ecco che il vocabolo ti dice che non stà rendendo giustizia a certe percezioni meravigliose, tremende o potenti che siano, possono essere anche il nulla per le nostre concretezze umane che realizziamo con i sensi.

la Fede è ciò che predispone l'uomo a ciò che più si avvicina alla comprensione della realtà o Verità che io chiamo anche Dio.
in questi versi credo che sono citate le forze creatrici che manifestano ciò che appare nella creazione e l'uomo è il risultato, uno strumento ma anche dotato degli strumenti sia del demiurgo che del creatore di base (chiedo: forse la terza forza creatrice/manifestante...???)

un affettuoso saluto
Ale
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Ale



Messaggi : 56
Data d'iscrizione : 09.06.12
Età : 47
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Sab Apr 25, 2015 9:52 pm

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Waira



Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 15.10.13
Età : 56
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Dom Mag 03, 2015 10:18 pm

Non penso Ale che non si puo' spiegare o far comprendere...a volte basta un gesto, un libro, un messaggio che arrivi in qualsiasi modo e puo' cambiare il percorso della tua vita se sai riconoscere o semplicemente perché arriva cio' di cui hai bisogno.

tutto poi viene sintetizzato, interiorizzato...ma io non credo di essere cosi' grande da non aver bisogno di imparare, o di non sottostare alla lotta dei due opposti....o di non cadere nel fondo fino a confondere i due principi ...
Il demiurgo rivale e il demiurgo di base....


la terza forza creatrice.......l'uomo ( punto interrogativo)



Un abbraccio C.




Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Waira



Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 15.10.13
Età : 56
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   Gio Mag 21, 2015 6:14 am

Ritorno alla perfezione attraverso la Gnosi,  fa la differenza come utilizzi ed elabori cio' che ti proponi di imparare, di conoscere.
La fede e' da sostegno in questo cammino, utilizzando la parola FEDE , istintivamente tutti abbiamo un immagine da anteporre a questa parola ..senza minimamente sapere nella maggior parte dei casi quanta volonta', sacrificio e sofferenza ci sono dietro questa semplice parola....
Ma Ale mi chiedevo cosa e' il Corpo del Desiderio ...

come si realizza, come alchemicamente si puo' far vibrare qualcosa di non tangibile eppure possibile frutto di un intenso lavoro interiore .

Ora, io posso comprendere il valore della Fede, il suo significato e l'abito che puo' generare , ma il Corpo del Desiderio , che nella sua perfezione vibra di sola energia , privo di ogni immagine e sospiro eppure cosi' traboccande di desiderio vivo ( almeno credo ), e' frutto anche questo di conoscenza, di ricerca minuziosa ?

Ale , a me sembra che tutto parta dalla Volonta', che poi dirama  nella realizzazione di molteplici risultati, ma che poi dobbiamo non perdere di vista che siamo UNO ..e non lasciare che anche solo una realizzazione ci porti fuori dal nostro centro....

Il corpo del desiderio e' cio' che ci permette di trasformare il pensiero in materia o solo calore che scalda e nutre la nostra essenza?


sunny
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: RITORNO ALLA PEFEZIONE   

Tornare in alto Andare in basso
 
RITORNO ALLA PEFEZIONE
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Nexo digital; Giovanni Segantini; Ritorno alla natura; il 17-18 GENNAIO 2017;
» eccoci di ritorno
» e continuerò per sempre a dire grazie alla vita
» oggi eco alla 10 + 0...meraviglia!!!!!
» alla fine arriva mamma?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SPHCOSCIENZA DI LUCE ERMETICA :: BENVENUTO SU:COSCIENZA DI LUCE: :: SPIRITUALISMO :: GNOSTICISMO-
Andare verso: